Dopo aver affrontato il profano, torniamo in direzione di sacro con quello che a mio parere è uno degli FKT italiani più interessanti e che sono certo attirerà molta gente in futuro: la Translagorai Classic FKT Run.
Ne ho parlato con Francesco Paco Gentilucci (è già stato mio ospite per l’episodio 04 quando abbiamo parlato della sua avventura ad Angeles Crest 100) mente dietro URMA, il Cerimoniale e tracciatore ufficiale (anche se come giustamente dice lui, la traccia esisteva da sempre, lui l’ha solo formalizzata) della linea che congiunge il Passo Rolle con la Panarotta. 80km e 5000 metri di dislivello in quello che è la parte forse più selvaggia e sicuramente meno trafficata del Lagorai.

Abbiamo parlato di come è nata l’idea di mettere nero su bianco il discorso dell’FKT, dei suoi precedenti tentativi, di come è stata differente questa volta in compagnia, e in generale di tutto quello che si muove attorno al mondo FKT, specialmente ora che siamo orfani dalle gare.

© Elisa Bessega

Note:
Trovate la pagina ufficiale della Translagorai a questo indirizzo anche se in un prossimo futuro sarà inglobata all’interno del sito di URMA (insomma, sarà una sotto pagina e non la troverete in homepage).
Per seguire gli sviluppi “social” invece vi rimando alla pagina facebook.
Avrei voluto linkarvi il video dell’ultimo chilometro corso da Paco prima della Panarotta, ma come tutte le cose belle si è giustamente perso nelle profondità del web e verrà solo ricordato in versione orale dalle persone che hanno avuto la fortuna di vederlo.

Ultrarunner, assistente Coach presso Destination Unknown, calamita di guai, appassionato di musica punk, gestisce in modo discontinuo i blog Unghie Rotte Mani Aperte e Allefoglie su Tumblr. Da Unghie Rotte Mani Aperte è nata anche una fanzine cartacea e una gara su invito. Scrive perlopiù per testate fuori dal giro della SIAE ed è allergico all’aria condizionata degli uffici, alle forze dell’ordine e alla chiesa.

La potete seguire su Facebook e su Instagram.


LETTURE CONSIGLIATE

Testo di Francesco Paco Gentilucci

Ho messo assieme qualche titolo, ma non solo di libri che parlano di corsa. Questo perché trovo che la letteratura di settore nella corsa sia piuttosto scarsa come qualità; per scrivere bene non basta essere corridori forti; e i poveri ghost writer che scrivono i libri per gli atleti sonno spesso obbligati a scrivere libri mediocri per far credere agli appassionati che siano stati scritti sul serio dagli atleti. Sul serio pensate che Totti la sera si metta a scrivere un libro, che saprò a malapena scrivere l’alfabeto?
Discorso diverso invece sulla letteratura che ha a che vedere con l’alpinismo, da sempre caratterizzata da grandi penne.
Ad ogni modo, ecco un paio di titoli:

EAT AND RUN di Scott Jurek e Steve Friedman.
Tolto il fatto che Scott Jurek è uno dei personaggi di cui ognuno di noi dovrebbe avere un santino a casa, trovo questo libro molto bello, sia per la narrazione fluida che per il quadro che riesce a dipingere della scena ultra delle origini, fatta da punk e fricchettoni. Lo lessi anni fa in inglese, è semplicissimo.
Le ricette vegan a fine libro sono interessanti, ma solo un’aggiunta, spesso contestualizzata alla narrazione; non conosco tuttavia nessuno che le abbia mai cucinate
https://amzn.to/2p7Nqoz

CONFESSIONI DI UN SERIAL CLIMBER di Mark Twight.
Questo è uno dei miei libri di culto. Non ha a che vedere in senso stretto con la corsa, ma è un libro che mi ha sicuramente avuto un grosso impatto sulla mia personalità. Il titolo inglese è Kiss or Kill, che è stato poi storpiato, senza nemmeno averlo citato, da Kilian nel suo libro, che utilizzo con grande gioia per livellare un tavolo Correre o Morire.
Questo libro ha delle narrazioni di un potere unico, taglienti e colte. La cultura punk miscelata con l’arrampicata sul ghiaccio e a montagna in generale: spettacolare.
https://amzn.to/2opx7mK

BORN TO RUN di Christopher McDougall.
Libro bestseller sulla corsa a cui non serve presentazione. Molto bello per conoscere un po’ di storia del passato e la leggenda dei Tarahumara. È un bel libro, non mi ha emozionato come altri, ma è un ottimo libro da regalare anche a chi non mastica tanto di ultrarunning.
https://amzn.to/2nLQd6H

FIGHT CLUB di Chuck Palahniuk.
Quando lessi questo libro non ero a conoscenza del fatto che ne avessero fatto un film, il film lo vidi solo dopo molti anni. Avevo trovato questo libro brillante, il classico esempio di come si può scrivere male e pure tirar fuori una perla, come dire, il corrispettivo della musica punk che ascolto. L’autore è di Portland e io ho un debole per gli autori di quella zona, perché secondo me vivono una realtà che gli permette di ragionare fuori dagli schemi. L’intelligenza della struttura narrativa è allucinante, oltre a farti capire il potere di una cospirazione esterna alle strutture sociali esistenti….
https://amzn.to/2osnns8

IN UN MILIONE DI PICCOLI PEZZI di James Frey.
Non c’entra un cazzo col resto, ma è forse il mio libro preferito, in assoluto.
https://amzn.to/2pf5Unk


Full disclaimer: i link di Amazon sono collegati a un account referral per cui per ogni eventuale acquisto mi viene riconosciuta una piccola percentuale in buoni Amazon (per comprare altri libri). Potete bypassare il sistema cercando direttamente sul loro sito o andando in una libreria fisica. Non mi offendo (giuro).